10 cose imperdibili da fare a Cape Town (e dintorni)

Se avete in programma un viaggio in Sudafrica vi consiglio di trascorrere qualche giorno a Cape Town. È una città splendida, incastonata in un contesto geografico unico al mondo. E vedrete che, in questa città cosmopolita e vivace, non c’è davvero da annoiarsi.

Ecco un elenco di quelle che, a mio avviso, sono le 10 attività imperdibili da fare in città e dintorni.

cape town - table mountain
Table Mountain © Mettersi in viaggio

Salire sulla Table Mountain

La Table Mountain è una delle 7 meraviglie naturali del mondo e non si può lasciare Cape Town senza esserci saliti.
La montagna, con la sua caratteristica forma piatta, è il simbolo della città e offre un panorama spettacolare.
Ci sono due modi per salire: la funivia (cableway) o a piedi.
Se decidete di utilizzare la funivia, vi consiglio di acquistare in anticipo i biglietti sul sito ufficiale in modo da evitare le lunghe code.
Attenzione che tra luglio e agosto la funivia chiude un paio di settimane per manutenzione.

Se invece volete guadagnarvi la cima a piedi, ci sono numerosi sentieri che partono dalla città, alcuni più facili (il più semplice dura solo 1 ora) e altri più impegnativi.

In qualunque modo arriverete in cima, resterete sbalorditi dal panorama e dalla ricchissima biodiversità. Potrete inoltre trovare diversi sentieri per esplorare la vetta.

cape town - robben island
Robben Island © Mettersi in viaggio

Visitare Robben Island

Purtroppo la storia sudafricana è stata macchiata dall’apartheid, la terribile politica di segregazione razziale, istituita nel 1948 e terminata negli anni novanta con la scarcerazione di Nelson Mandela e la sua successiva nomina a capo di stato.

Mandela, come tanti altri dissidenti politici, venne imprigionato a Robben Island, un’isola al largo di Cape Town. Qui vi passò 18 dei 27 anni che trascorse in carcere.

Oggi é possibile visitare Robben Island, prendendo un traghetto dal Waterfront. Il biglietto comprende la visita guidata dell’isola in compagnia di uno degli ex prigionieri politici. La visita dura circa 3 ore e mezza e va prenotata con largo anticipo.

cape town - district six museum
District Six Museum © Mettersi in viaggio

Visitare il District Six Museum

Quella del Distric Six è una triste storia. Nato come quartiere residenziale negli anni ’60 dell’ottocento, fu poi raso al suolo durante l’apartheid e gli abitanti furono deportati. Tutto questo per trasformarlo in una zona residenziale bianca.

Oggi uno dei musei più interessanti della città porta il nome di questo quartiere e ne racconta la storia attraverso fotografie originali, cartelli stradali e ricostruzioni dei luoghi di vita quotidiana.

Una visita assolutamente necessaria per non dimenticare l’orrore dell’apartheid.

cape town - waterfront
V&A Waterfront © Mettersi in viaggio

Un aperitivo sul Waterfront

Il V&A Waterfront di Cape Town è un esempio molto ben riuscito di riqualificazione di un’area portuale e oggi è il quartiere più vivace e turistico della città.

Imperdibile un po’ di shopping tra i suoi numerosi negozi e poi una sosta in uno dei tanti locali per godersi lo splendido scenario in cui è incastonato.

cape town - bo-kaap
Bo-Kaap © Mettersi in viaggio

Un giro nel quartiere malese di Bo-Kaap

Bo-Kaap è il quartiere più colorato della città. Si tratta di una ex township, oggi conosciuta come il quartiere malese.

Sicuramente è anche il quartiere più fotografato e instagrammato grazie alle sue strade acciottolate e alle caratteristiche case dai colori vivaci.

Per assaporare meglio la sua atmosfera, fermatevi in uno dei suoi caffè e osservate la vita che si svolge per strada.

capo di buona speranza
Capo di Buona Speranza © Mettersi in viaggio

Una gita alla penisola del Capo

Se siete a Cape Town non potete non dedicare una giornata alla visita del Capo di Buona Speranza che si trova circa 70 km a sud dalla città.

Potete tranquillamente arrivarci in autonomia con un’auto a noleggio percorrendo la M6.

Vi consiglio di partire la mattina presto in direzione Camps Bay, percorrendo la M6.
Lungo la strada potete fermarvi ad ammirare i surfisti a Llandudno Beach e poi proseguire verso Hout Bay. Da qui prendete la strada a pagamento chiamata Chapman’s Peak, dalla quale godrete di panorami mozzafiato.

Una volta giunti a destinazione, dopo aver passato la baia naturale di False Bay, potrete salire fino al faro di Cape Point e, se ve la sentite, raggiungere il Capo di Buona Speranza a piedi lungo un bel sentiero.
Immancabile la foto di rito davanti al cartello.

Immancabile la foto di rito davanti al cartello.

boulder's beach
Boulder’s beach © Mettersi in viaggio

I pinguini di Boulder’s beach

Durante la gita al Capo di Buona Speranza è immancabile una sosta alla splendida (e rumorosa) colonia di pinguini africani. L’accesso è a pagamento e potrete osservare i simpatici pennuti attraverso un percorso di passerelle di legno.

cape town - kirstenbosch
Kirstenbosch © Mettersi in viaggio

Visitare il giardino botanico di Kirstenbosch

Kirstenbosch è uno dei giardini botanici più incredibili e belli che abbia mai visto. È stato fondato ai primi del novecento per preservare la flora del paese.

È stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 2004 ed è ubicato sulle pendici della Table Mountain.

Vale la pena visitarlo in qualunque stagione dell’anno e, se il tempo lo permette, vi consiglio un picnic sui suoi splendidi prati.

muizenberg
Le cabine colorate di Muizenberg © Mettersi in viaggio

Fotografare le cabine colorate della spiaggia di Muizenberg

Di ritorno dalla visita alla Penisola del Capo vi consiglio una breve sosta alla bella spiaggia di Muizenberg.
Famosa non solo per i numerosi surfisti che la frequentano, ma anche per le caratteristiche cabine vittoriane dai colori accesi che vi regaleranno delle foto molto suggestive!

Boschendal
Boschendal © Mettersi in viaggio

Visitare una tenuta vinicola

Le tenute vinicole sudafricane sono davvero bellissime. Se non avete molto tempo potete visitare Groot Constantia che si trova proprio a Cape Town.
Si tratta di un bell’esempio di architettura coloniale olandese ed è circondata da un paesaggio incantevole. Vi consiglio di prendere parte ad una visita guidata che dura circa un’ora.

Se invece avete una giornata a disposizione potete spingervi fuori città e visitare alcune delle tenuta della regione delle Winelands.
Ce ne sono tantissime, tutte molto belle: io vi posso consigliare la famosissima Boschendal, oppure Moreson, Asara o Vergelegen, dove io mi sono fermata per un pranzo eccezionale.

E voi siete mai stati a Cape Town? Quali sono i posti che più vi hanno colpito?

There are 2 comments for this article
  1. Elena Maggio 13, 2019 11:08 am

    Wow. Che posti!

    • Polly Maggio 13, 2019 11:16 am

      Eh sì, sono davvero luoghi unici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.