los angeles - walt disney concert hall

12 giorni negli States: quanto ho speso

Quanto può costare un viaggio negli Stati Uniti? Questa è la domanda che si pongono tutti quelli che, per la prima volta, si accingono ad un viaggio oltre oceano.

Difficile dare una risposta anche perché tante sono le variabili in gioco. Prenderò come spunto il mio recente viaggio per dare un’idea dei prezzi e di come, eventualmente, risparmiare.

Il volo aereo

È sicuramente una delle variabili che incidono di più, ma si può anche riuscire a risparmiare molto. Per il mio recente volo a Los Angeles ho speso 369€, direi un buon prezzo. Certo io ho viaggiato in aprile, difficile trovare la stessa cifra per le settimane centrali di agosto. Se però siete flessibili con le date, tenete d’occhio i motori di ricerca, magari inserendo degli avvisi di prezzo, in modo da acchiappare al volo la migliore offerta. Anche la destinazione influisce molto sul prezzo: per le mete più battute (Los Angeles, San Francisco, Miami, New York), è più facile trovare offerte, mentre se volete atterrare a Denver o Seattle, sicuramente il prezzo sarà maggiore.

La macchina a noleggio

Un’altra voce che può influire molto sul budget è la macchina. Di solito ciò che incide maggiormente è il “drop off”, cioè la tassa che si paga per la riconsegna in una località diversa da quella del ritiro. Se riuscite a fare un loop o a trovare un’offerta che vi permetta di abbattere questo costo, già è un bel risparmio.
Anche perché non vi consiglio invece di risparmiare sulle dimensioni dell’auto: ci passerete molto tempo ed è importante che sia molto confortevole. Io consiglio sempre un suv perché è comodo e adatto anche per qualche sterrato, inoltre non dovrete preoccuparvi troppo della benzina dati i prezzi davvero bassi. Per 12 giorni ho speso circa 200€ di benzina, usando l’auto quotidianamente per parecchie miglia.

Per quanto riguarda invece il noleggio: un suv per 12 giorni, comprese tutte le assicurazioni possibili mi è costato 396€. I guidatori aggiuntivi in California sono gratuiti, quindi su questo ho risparmiato.

usa - west
West Usa © Mettersi in viaggio

Gli hotel

Per gli alloggi la spesa dipenderà molto dai vostri standard: se vi accontenterete di motel (che comunque sono per la maggior parte dignitosi e puliti) e se riuscite a condividere la stanza con i vostri compagni di viaggio, potete risparmiare parecchio. Nel mio ultimo viaggio eravamo in 4 e, condividendo la stessa stanza, abbiamo abbattuto di molto i costi. In media abbiamo speso una media di 43€ a testa a notte, dormendo sempre in posti carini e, in alcuni casi, davvero spettacolari come il The View (monumentvalleyview.com) alla Monument Valley o una bellissima casa in uno dei quartieri più carini di Los Angeles.

Il cibo

Negli Usa è davvero il minore dei problemi: ce n’è per tutte le tasche. Il mio consiglio è di sfruttare la colazione in hotel quando è compresa e di mangiare al sacco per pranzo. Nei meravigliosi supermercati statunitensi troverete qualsiasi tipo di cibo pronto, dalle insalatone, ai panini a cose anche più elaborate e potrete cavarvela anche con meno di 10$. Ci sono poi innumerevoli catene di fast food, ma anche di cibo più sano a prezzi ragionevoli, per cui non avrete che l’imbarazzo della scelta.

Assicurazione sanitaria

Non dimenticatevi di stipulare un’assicurazione sanitaria prima di partire perché stare male negli Usa può costarvi molto caro! Se non avete malattie pregresse il costo dell’assicurazione è davvero irrisorio, ma benedirete di averla se doveste farvi male o per qualsiasi altro problema legato alla salute.

Ecco, queste sono le spese principali, poi ovviamente ci sono tutti gli extra: gli ingressi alle attrazioni, ai parchi nazionali (anche se qui potete risparmiare parecchio con il pass annuale) e naturalmente, lo shopping!

Per qualsiasi altra domanda su possibili costi contattatemi pure!

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.