sudafrica - cape town

Itinerario di due settimane in Sudafrica

Un itineriario di due settimane in Sudafrica è un buon compromesso per riuscire ad avere un assaggio di tutto ciò che questo meraviglioso paese ha da offrire.

Questo di seguito è un itinerario studiato e sperimentato da me nel 2016 e che riproporrò (con qualche piccolo cambiamento) quest’estate.
È un viaggio on the road con spostamenti non particolarmente lunghi e un volo interno per poter visitare sia la parte ovest che il Kruger.
Con qualche giorno in più potete aggiungere la zona dell’estuario di St. Lucia e lo Swaziland.

Giorno 1

Arrivo a Cape Town, alloggio presso il Protea Breakwater Lodge, un hotel con un buon rapporto qualità prezzo, parcheggio gratuito e a due passi dal Waterfront, la zona più turistica della città. È molto comodo se volete fare due passi a piedi la sera: il Waterfront è ricco di negozi e ristoranti per tutti i gusti.

sudafrica - cape town
Cape Town © Mettersi in viaggio

Giorno 2

Visita di Robben Island (vi consiglio di acquistare online i biglietti in anticipo su www.robben-island.org.za), giro turistico sul bus hop on hop off  (www.citysightseeing.co.za) e serata al Waterfront.
Vi consiglio il bus turistico perché è davvero un buon modo di vedere la città senza lo stress di prendere la macchina. Potete scendere e risalire quando volete e visitare le zone che più vi interessano. Io vi consiglio in particolare i giardini botanici di Kirstenbosch (www.sanbi.org/gardens/kirstenbosch) ed il caratteristico quartiere malese di Bo-Kaap.
Se vi avanza tempo fate un salto anche al District Six Museum, una toccante testimonianza del periodo buio dell’apartheid.
Cena sul Waterfront da Baia Seafood Restaurant (www.baiarestaurant.co.za), ottimo ristorante di pesce.

sudafrica
Sudafrica © Mettersi in viaggio

Giorno 3

Oggi si riprende la macchina per la visita della penisola del Capo. Percorrete la panoramica Chapman’s Peak Drive, una strada a pagamento molto suggestiva. Fermatevi a Simon’s town per visitare la colonia di pinguini di Boulder’s beach e poi proseguite verso Cape Point. Qui potete salire fino al faro per ammirare il panorama e poi potete proseguire verso il Capo di Buona Speranza. Per chi ama camminare c’è la possibilità di fare dei bei trekking.
Infine ritornate verso Cape Town con una sosta a Muizenberg per ammirare la splendida spiaggia con le caratteristiche cabine colorate di epoca vittoriana.
Se il tempo lo permette, concludete la giornata con la salita in funivia sulla Table Mountain. Anche in questo caso vi consiglio di acquistare i biglietti in anticipo (www.tablemountain.net) per evitare le code. Se andate in agosto controllate che la funivia non sia chiusa per manutenzione: di solito fanno i lavori tra la fine di luglio e la prima settimana di agosto.
Per finire un’ottima cena africana da Africa Cafè (www.africacafe.co.za), dove potrete gustare i piatti di tutto il continente africano.

sudafrica - vergelegen
Vergelegen Estate © Mettersi in viaggio

Giorno 4

Si lascia Cape Town per dirigerci verso la zona dei vigneti che si trova a circa 40km da Città del Capo. Qui potrete visitare le splendide tenute e degustare gli ottimi vini sudafricani. In particolare vi consiglio l’azienda Vergelegen (www.vergelegen.co.za)dove potrete anche provare il ristorante gourmet Camphors con la sua cucina ricercata e creativa. Calcolate il giusto tempo per il menu degustazione perché vi occuperà per circa tre ore!
Per dormire ho scelto sempre una tenuta vinicola, Asara (www.asara.co.za): un posto stupendo immerso nel verde e circondato da splendidi vigneti.

Giorno 5

Si parte verso Hermanus percorrendo la Whale Route e con una piccola sosta a Betty’s Bay per vedere ancora una volta i simpatici pinguini africani.
A Hermanus ci aspetta la gita in barca per vedere le balene: consigliatissima, ma attenzione se soffrite di mal di mare perché si balla parecchio.
Un consiglio: se non siete appassionati di vino potete anche saltare la zona delle Winelands e prevedere una o due notti a Hermanus. Questo per avere più possibilità di poter effettuare la gita delle balene. Infatti non sempre le barche partono a causa delle condizioni del mare  e con due giorni a disposizione avrete di sicuro più occasioni. Nel 2016 sono stata fortunata, ma nel 2012 non riuscii a fare la gita proprio a causa del tempo.
Dopo la gita io mi sono diretta a Swellendam per la notte, dove abbiamo alloggiato nel carinissimo B&B De Companjie (www.decompanjie.co.za). Se avete più tempo potete spingervi fino a Cape Agulhas per vedere il punto dove Oceano Indiano e Atlantico si uniscono.

sudafrica
Sudafrica © Mettersi in viaggio

Giorno 6

Questa è l’unica tappa un po’ più lunga delle altre: partiremo da Swellendam con destinazione finale Port Elizabeth. Con un paio di giorni in più si possono fare più soste lungo la Garden Route: per esempio potete visitare la De Hoop Nature Preserve con le sue dune di sabbia bianca o lo Tsitsikamma, un bel parco che offre numerosi trail per escursioni e dove potrete camminare su un lungo ponte sospeso. Quest’anno effettuerò una tappa intermedia a Knysna proprio per poter effettuare una veloce visita allo Tsitsikamma il giorno seguente. A Knysna vi consiglio anche una sosta per degustare le ottime ostriche della zona da 34 South (www.34south.biz).

Giorno 7

Prendiamo un volo interno per Johannesburg la mattina presto. Anche oggi tappa di puro trasferimento per avvicinarci al Kruger fino a Graskop. Lungo la strada vi consiglio di fermarvi per uno spuntino all’aera di sosta Alzu Petroport: potrete ammirare gli animali della riserva adiacente.
A Graskop vi consiglio per la cena The Glass House Restaurant e per la colazione Harrie’s pancake, entrambi si trovano sulla strada principale!
Se arrivate presto o avete tempo il giorno successivo, potete inserire nella vostra visita il Blyde River Canyon e la Panorama Route.

Giorno 8

Da Graskop partiamo prestissimo per visitare il santuario degli elefanti ad Hazyview (www.elephantsanctuary.co.za) e dopo la visita entriamo nel Kruger attraverso l’Orpen gate e ci dirigiamo subito verso l’Hoyo Hoyo Safari Lodge (hoyohoyo.com) all’interno di una concessione privata. Qui ci concediamo una giornata nel lusso e partecipiamo a due safari privati con tanto di aperitivo nella savana.

sudafrica
Sudafrica © Mettersi in viaggio

Giorno 9

È tempo di lasciare la concessione privata e di dirigerci verso il campo statale di Olifants da dove si gode di una bellissima vista sul fiume omonimo. La giornata è dedicata a self safari più uno notturno con i ranger.

Giorno 10

Sveglia all’alba per il safari con i ranger: oggi avvisteremo tre leoni! Dopo colazione siamo al volante diretti verso Mopani, un rest camp più a nord in una zona più ricca di vegetazione. All’interno del campo c’è anche un bellissimo baobab. Facciamo un safari al tramonto con i ranger e vedremo di nuovo i leoni!

Giorno 11-12-13

Oggi usciamo dal Kruger, anche se non è un addio, ma solo un arrivederci. Arriviamo a Phalaborwa verso l’ora di pranzo e ci sistemiamo alla guesthouse Kaia Tani (kaiatani.com), una piccola oasi gestita da una coppia italiana. Nei giorni seguenti effettueremo con loro una giornata full day dentro il Kruger con Alberto, una bravissima guida italiana e una suggestiva crociera di mezza giornata sul fiume Olifants.

sudafrica
Sudafrica © Mettersi in viaggio

Giorno 14

Oggi ripartiamo da Phalaborwa di buon mattino per arrivare alle 9:30 al centro di riabilitazione per animali Moholoholo (www.moholoholo.co.za). Qui partecipiamo al tour guidato che dura un paio d’ore circa. Il centro ospita animali vittime soprattutto del bracconaggio che non possono più essere rimessi in libertà.
Finita la visita procediamo verso il Lion Tree Top Lodge (www.liontreetoplodge.com) a Hoedspruit, ultima tappa del nostro viaggio. Questo bel lodge si trova dentro una riserva privata e ospita due leonesse bianche rimaste orfane che sono state curate e allevate dal proprietario del lodge (e che è anche molto attivo contro il bracconaggio).
Ultima cena raccolti attorno al boma ad osservare lo splendido cielo sudafricano.

Giorno 15

Ultimo lungo spostamento verso Johannesburg, dove arriviamo con calma verso le 15:30. Riconsegniamo l’auto a noleggio e alle 19:30 ci attende il volo che ci riporterà a casa.

There are 6 comments for this article
  1. Nicoletta Maggio 4, 2018 2:27 pm

    Inutile dire che mi sono appuntata tutto l’appuntabile!! Grazie!!

    • Polly Maggio 4, 2018 2:50 pm

      Bene!!! Spero che alcune info ti siano utili! Peccato non riuscire ad incontrarci durante il viaggio.

  2. elena - viaggiodolceviaggio Gennaio 9, 2019 2:27 pm

    Dev’essere stato un viaggio bellissimo. Ti ringrazio per questi appunti, da cui prendere spunto per organizzare il proprio viaggio in Sudafrica. Che posti, hai visitato!

    • Polly Gennaio 9, 2019 3:01 pm

      Sì, il Sudafrica ti entra davvero nel cuore! È un viaggio che consiglio a tutti.

  3. Elena - Lostindestination Luglio 24, 2019 9:19 am

    Fantastico itinerario. Tutto ciò che voglio vedere di questo Paese.
    Mi sono salvata tutte le informazioni (preziosissime) che hai fornito.
    E che foto… stupende!!!
    Forse il prossimo anno, o quello dopo al massimo, conterei di andarci…..
    Un abbraccio,
    Elena

    • Polly Luglio 24, 2019 10:11 am

      Grazie mille! Ti assicuro che è un viaggio che ti emozionerà tantissimo e ti auguro di farlo il più presto possibile. Se hai bisogno di ulteriori informazioni chiedimi senza problemi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.